Accessibility Tools

Skip to main content

Giulio Costantini

Dipartimento di Psicologia

Marco Perugini

Dipartimento di Psicologia

Onesti per un buon motivo. L’impatto di obiettivi e motivazioni sull’onestà

L’onestà gioca un ruolo fondamentale nella costituzione e nel mantenimento del tessuto sociale. In una società composta da individui disonesti, la fiducia alla base della maggior parte delle relazioni interpersonali verrebbe meno, con conseguenze gravi per il benessere dei membri della società stessa.

L’onestà gioca un ruolo fondamentale nella costituzione e nel mantenimento del tessuto sociale. In una società composta da individui disonesti, la fiducia alla base della maggior parte delle relazioni interpersonali verrebbe meno, con conseguenze gravi per il benessere dei membri della società stessa. Alcuni studi mostrano però come l’onestà possa talvolta essere usata per perseguire obiettivi antisociali e la disonestà possa invece essere usata a scopo prosociale. Studi in filosofia morale convergono quindi nell’attribuire un ruolo fondamentale agli obiettivi e alle motivazioni nella definizione dell’onestà e della disonestà. Similmente, numerosi lavori in psicologia della personalità convergono sul fatto che i tratti di personalità possano essere usati dagli individui come mezzi per perseguire obiettivi personali rilevanti (es. l’estroversione come mezzo per essere in connessione con altre persone). Ciononostante, gli obiettivi e le motivazioni legati all’onestà non sono mai stati indagati in modo sistematico, né sono disponibili strumenti psicometrici validati per misurarli. Il progetto intitolato “Honest for the good reason” mira proprio alla comprensione delle dinamiche psicologiche dell’onestà e della disonestà a partire dallo studio della personalità degli individui e degli obiettivi che perseguono quando si comportano in modo onesto o disonesto. Il progetto è guidato dal dott. Giulio Costantini e dal prof. Marco Perugini ed è stato finanziato con $150241 dall’Honesty Project della Wake Forest University e della John Templeton Foundation. Il progetto si svolgerà presso il dipartimento di Psicologia dell’Università Bicocca e avrà durata biennale.

Da un punto di vista scientifico, il progetto si articola in tre fasi. La prima consiste in un insieme di studi esplorativi, ma sistematici, che mirano a identificare l’insieme di obiettivi e motivazioni che gli individui perseguono tramite l’onestà e la disonestà e come si relazionano con la personalità degli individui. La seconda fase prevede lo sviluppo e la validazione psicometrica di strumenti per la misura degli obiettivi identificati nella prima fase. Saranno sviluppate misure per valutare sia le disposizioni motivazionali stabili legate all’onestà, sia le motivazioni transitorie. La terza fase combina studi cross-sezionali, longitudinali e disegni sperimentali per determinare l’effetto causale di specifici obiettivi e motivazioni su onestà e disonestà, considerando anche i tratti di personalità rilevanti. Il progetto permetterà di chiarire, ad esempio, se onestà e disonestà siano tendenze opposte da un punto di vista motivazionale (cioè, siano usate come mezzi per ottenere obiettivi opposti), oppure se siano in parte sovrapponibili. Permetterà inoltre di valutare in che misura disposizioni quali la sincerità, la modestia, la correttezza, che tipicamente sono considerate come diverse articolazioni del tratto di onestà, siano accomunate da motivazioni simili, o se siano legate a obiettivi e motivazioni sufficientemente distinguibili e come esse si articolano nella personalità degli individui. 

Il progetto darà un contributo fondamentale alla definzione psicologica dell’onestà e della disonestà, alla misurazione di queste disposizioni, alla comprensione delle dinamiche che ne regolano l’evoluzione e l’espressione negli individui, ed al loro intreccio con i tratti di personalità. Inoltre, fornirà strumenti di lavoro essenziali per programmi di ricerca futuri che ambiscano a descrivere, comprendere e influenzare le dinamiche dell’onestà e della disonestà.

Giulio Costantini

Dipartimento di Psicologia

Marco Perugini

Dipartimento di Psicologia

Condividi l’articolo 


Articoli correlati

Rifiuti, scarti e lavoro: sfide e risorse in Africa Occidentale

Come noto, nel 2007, per la prima volta nella storia dell’umanità, il numero degli abitanti delle città ha superato quello dei residenti nelle campagne. In Africa, nel 2017, vivevano in città 569 milioni di persone Read more

MILANO RE-MAPPED. Cultura, Territorio, Cittadinanza.

Progetto finanziato da Fondazione Cariplo; capofila: Pirelli Hangar Bicocca; partner: Università di Milano-Bicocca Nel corso degli ultimi anni Milano è rinata, promuovendo un’immagine di sé come luogo attrattivo per le professioni dell’arte e della creatività; Read more

DriveWin: Attenzione e comportamento di guida nella popolazione anziana tra realtà virtuale e stimolazione cerebrale

La guida è cruciale per l’autonomia delle persone anziane. Smettere di guidare porta a una riduzione dell'indipendenza complessiva, limitando l'accesso alle attività essenziali e riducendo le connessioni sociali. Studi precedenti indicano che smettere di guidare Read more

Sfoglia l'edizione digitale

Sfoglia l'edizione digitale

Ottobre 2023
Giugno 2023
Maggio 2023